Due volte che sono morto

La storia incredibile di Paolo Nori
Italiano

Disponibile su

Due volte che sono morto: il Podcast

Nel 1999 e nel 2013 si è diffusa, per qualche settimana, la voce che Paolo Nori fosse morto. La prima volta lo conosceva pochissima gente, aveva appena pubblicato il primo romanzo, quando, una notte, ha fatto un incidente in macchina, una due cavalli, che ha preso fuoco. Lui è rimasto imprigionato nell’abitacolo e si è ustionato il 30% del corpo. Se tre uomini non lo avessero estratto in tempo, sarebbe morto davvero. L’altra volta è accaduta nel 2013, a Bologna: attraversava la strada fuori dalle strisce, un motorino lo ha investito, e lui è caduto, ha battuto la testa: trauma cranico, tre giorni in coma farmacologico. Dopo quattro giorni un’agenzia di stampa ha diffuso la notizia che era tra la vita e la morte. Lui dei due gravi incidenti non ricorda molto. E infatti in questo podcast cerca i testimoni, i soccorritori, gli amici, i parenti e tutti coloro che erano vigili allora per farsi raccontare i fatti e le loro emozioni di quei momenti.
Leggi tutto

Credits

Due volte che sono morto è una serie di Chora Media per Rai Play Sound
è stata scritta e raccontata da me, Paolo Nori.

È stata scritta in collaborazione con Silvia Righini
La cura editoriale è di Sabrina Tinelli
Sound design di Luca Micheli
Post produzione e montaggio Luca Micheli, Mattia Liciotti, Guido Bertolotti
Producer e editing audio Matteo Scelsa
Le registrazioni in studio sono di Luca Possi, Emanuele Moscatelli
Il fonico di presa diretta è Guido Bertolotti
Musiche su licenza Universal Music
Musiche originali addizionali di Luca Micheli

Leggi tutto
Due volte che sono morto podcast rai play sound Paolo Nori Chora Media
Paolo Nori

Paolo Nori (Parma, 1963), laureato in letteratura russa, ha pubblicato romanzi e saggi, tra i quali Bassotuba non c’è (1999), Si chiama Francesca, questo romanzo (2002), Noi la farem vendetta (2006), I malcontenti (2010), I russi sono matti (2019), Che dispiacere (2020), Sanguina ancora (2021) e Vi avverto che vivo per l’ultima volta (2023). Ha tradotto e curato opere, tra gli altri, di Puškin, Gogol’, Lermontov, Turgenev, Tolstoj, Čechov, Dostoevskij, Bulgakov, Chlebnikov, Charms.

Leggi tutto

Continua ad ascoltare

Se ti è piaciuto "Due volte che sono morto", allora amerai anche questi podcast:
Certe Estati
Il sesso degli altri
AMARE A MARZO
Al Salone del Libro 2024

Ti va di sentirci più spesso?

Iscriviti a Verba Manent, la nostra newsletter settimanale

Ultimi podcast